VT_Tematica_Medicina interna_detail.jpg VT_Tematica_Medicina interna_detail.jpg
  • Momento della lettura: 4 mins

    Edema polmonare nel cane: cause e gestione farmacologica

    Il meccanismo fisiopatologico che causa l'edema polmonare è l'accumulo patologico di liquido (acqua e soluti) nell'interstizio polmonare, da cui poi passa negli alveoli.

    Edema polmonare nei cani. Di cosa si tratta?

    L'accumulo patologico di liquido è una sindrome sotto la quale sono raggruppate diverse eziologie, per tutte le quali è comune una parte della gestione.

    Scarica e Ricevi GRATIS: Poster delle misure morfometriche per il controllo del  peso nel cane da utilizzare come strumento in clinica

    Cause di edema polmonare nel cane

    Alcune delle cause più frequenti sono cardiomiopatia, anemia, polmonite, ipoproteinemia e ostruzione delle vie respiratorie.

    In generale, le cause fisiopatologiche che determinano il travaso dell'acqua e dei soluti sono varie e tra esse si annoverano le seguenti:

    • AUMENTO DELLA PRESSIONE CAPILLARE POLMONARE:
      • Edema polmonare cardiogeno. 
      • Iatrogeno (liquidi in eccesso).
      • Edema polmonare neurogeno.
    • PRESSIONE VENOSA POLMONARE NORMALE MA CON ALTERAZIONE DELLA PERMEABILITÀ CAPILLARE:
      • Sindromi da aspirazione.
      • Inalazione tossica.
      • Intossicazione esogena (paraquat, ecc.).
      • Intossicazione endogena (uremia, pancreatite).
      • Ipossiemia da altitudine.
    • PRESSIONE VENOSA POLMONARE ELEVATA CON ALTERAZIONE DELLA PERMEABILITÀ CAPILLARE:
      • Shock elettrico.
      • Sindrome da insufficienza respiratoria acuta.
    • RIDUZIONE DELLA PRESSIONE ONCOTICA:
      • Enteropatie, nefropatie con perdita di proteine.
      • Perdita di sangue cronica.
      • Insufficienza epatica.
    • INSUFFICIENZA LINFATICA:
      • Tumori infiltrativi.
    • MECCANISMI SCONOSCIUTI:
      • Trauma cranico.
      • Post-ictus, ecc.

    Scarica e Ricevi GRATIS: Poster delle misure morfometriche per il controllo del  peso nel cane da utilizzare come strumento in clinica

    Come identificarlo?

    I segni variano a seconda della gravità e dell'accumulo di liquido negli alveoli. Tra le diverse manifestazioni cliniche, il cane con edema polmonare presenta dispnea, normalmente nelle due fasi del ciclo respiratorio, e che in casi gravi può diventare agonizzante. È presente una tosse produttiva e, a seconda della gravità, può esservi emottisi. Quando il quadro clinico è grave, troviamo anche un’irrequietezza/ansia molto marcata e cianosi al minimo movimento.

    Durante l'auscultazione respiratoria si notano crepitii (“cracking del cellophane”) in fase di inspirazione ed espirazione, anche se quando il problema evolve non si sente nulla perché non c'è quasi riempimento alveolare. Quando l'origine è cardiogena o l'edema è molto sviluppato, si auscultano aritmie, suoni cardiaci anomali, ecc.

    Visite complementari

    Per la valutazione e la diagnosi di edema polmonare nel cane verranno eseguiti un esame del sangue e una radiografia toracica. È inoltre possibile monitorare il cane (tenendo sotto controllo i cambiamenti nel segmento ST che indicano l’ossigenazione del miocardio). Altri parametri da controllare sono il PCV, l'urina prodotta, la pressione venosa centrale e il peso dell'animale.

    Trattamento dell’edema polmonare nel cane

    Per il trattamento dell'edema polmonare è indicato un diuretico per via endovenosa ad alto dosaggio e ad azione rapida (furosemide), facendo attenzione a non causare disidratazione e insufficienza renale. D'altra parte, se possibile si somministra ossigenoterapia con una maschera o una gabbia ad ossigeno. È inoltre necessario praticare la sedoanalgesia a base di morfina in caso di grave stato d’ansia dell'animale. Infine, e a seconda della patologia, verrà somministrata la relativa terapia.

    Nei casi di insufficienza cardiaca congestizia è indicata una dieta che favorisca l'eliminazione di liquidi, con un basso contenuto di ioni. È questo il caso della dieta renale Affinity Advance che puoi consultare qui.

    POST CORRELATI:

    Immunonutrizione nei cuccioli

    Josep Campmany
    Numero di iscrizione all’ordine: COVB 1125

    Laurea in Veterinaria conseguita presso l’Università di Saragozza e Advanced Management Program. Marketing Management (ESADE, Barcellona)Laurea in Veterinaria conseguita presso l’Università di Saragozza e Advanced Management Program. Marketing Management (ESADE, Barcellona)

    gastroenterite_nei_cani_trattamento.jpg
    Gastroenterite nei cani: trattamento della sindrome dell'intestino irritabile
    La gastroenterite nei cani rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile. Rivediamo il ruolo della nutrizione e discutiamo i sintomi e l'eziopatogenesi della sindrome dell'intestino irritabile, oltre a fornire le linee guida per la diagnosi e il trattamento.
    diarrea_nei_cani_2.jpg
    Diarrea nei cani: quando usare gli antibiotici e quando no?
    La diarrea nei cani è un sintomo molto frequente nella maggior parte delle malattie gastrointestinali. Il tipo di cura da intraprendere varia in funzione dell'eziologia di ogni singolo caso e l'uso di antibiotici in caso di diarrea nei cani prevede indicazioni specifiche che andiamo a esaminare in questo articolo.
    anna-rodeus-hernaundez52_6.jpg
    8 fattori che predispongono ad avere un gatto o cane obeso
    Alcuni fattori di rischio per un gatto o cane obeso sono molto facili da riconoscere. Altri, invece, lo sono meno. Qui di seguito analizziamo 8 fattori chiave che influenzano l'eccessivo aumento di peso corporeo nei cani e nei gatti e il ruolo del microbiota.