VT_Tematica_Medicina interna_detail.jpg VT_Tematica_Medicina interna_detail.jpg
  • Momento della lettura: 1 mins

    Incontinenza urinaria nel cane. Prevalenza nelle femmine sterilizzate

    L’incontinenza urinaria è un problema di perdita involontaria di urina e può essere un disturbo acquisito in seguito alla sterilizzazione. La prevalenza nelle femmine sterilizzate è del 5% ed è molto più frequente negli esemplari di grossa taglia.

    Vuoi sapere di più sulla Incontinenza urinaria nel cane? Scarica gratis il Report sulle Malattie del tratto urinario felino. 

    Incontinenza urinaria nel cane: introduzione

    L’incontinenza urinaria consiste nella fuoriuscita involontaria di urina dalla vescica. Nel caso di cani adulti le cause possibili sono:

    1) incompetenza dello sfintere uretrale

     2) malattia prostatica

    3) fistole ureterovaginali

    4) neoplasie vescicali e vaginali

    5) masse pelviche

    6) cistite 

    7) fistole vescicovaginali.

    Webinar tradotto: “La sterilizzazione sotto la lente d’ingrandimento:  una decisione ragionata per ogni singolo caso” - Dott. Fernando Mir

    Tra i fattori che predispongono all’incontinenza urinaria nei cani troviamo l’obesità e la sterilizzazione. Se l’incontinenza è correlata alla sterilizzazione può essere temporanea, poiché il cane impara a controllare nuovamente i muscoli urinari durante il processo di recupero.

    L’incontinenza è più comune nei cani di età media e avanzata, così come nelle razze di grossa taglia. L’incidenza tra le femmine sterilizzate è stimata tra il 5% e il 20%, rispetto a meno dell’1% per le femmine intere. L’età media di insorgenza è di 4 anni e oltre il 70% dei casi si sviluppano a partire dai 5 anni.

    Sintomi: tra i sintomi di incontinenza urinaria vi sono perdite di urina e pelo umido nel basso addome o tra le zampe posteriori, infezioni del tratto urinario e infiammazione della pelle attorno ai genitali.

    Ruolo della sterilizzazione nelle femmine

    Al fine di valutare la prevalenza dell’incontinenza urinaria nelle femmine sterilizzate, nel 2013 è stato condotto uno studio1 retrospettivo nell’ambito del quale sono stati esaminati 566 casi di femmine sottoposte a ovarioisterectomia; inoltre, le femmine colpite sono state categorizzate in base all’età al momento dell’ovarioisterectomia, al numero di cucciolate prima dell’intervento, al peso corporeo, al trattamento dell’animale interessato da questa condizione e alla gravità dell’incontinenza.

    È stato somministrato un questionario per valutare il grado di incontinenza, i test diagnostici, la cura e l’anamnesi.

    È stato riscontrato che la prevalenza dell’incontinenza urinaria acquisita era del 5,12%, senza differenze significative di età al momento dell’ovarioisterectomia tra i gruppi di animali incontinenti e normali.

    È stata riscontrata un’associazione significativa tra peso corporeo e incontinenza, con maggiori percentuali di incontinenza nei cani di grossa taglia, che presentavano probabilità circa 7 volte maggiori di sviluppare l’incontinenza urinaria acquisita rispetto ai cani più piccoli.

    Vuoi sapere di più sulla Incontinenza urinaria nel cane? Scarica gratis il Report sulle Malattie del tratto urinario felino. 

    Approccio diagnostico-terapeutico all’incontinenza urinaria

    Un metodo proposto per arrivare a una diagnosi è la risposta al trattamento, tuttavia l’assenza di risposta al trattamento non preclude la conferma della diagnosi nel 30% dei casi. Inoltre alcuni casi richiedono un aggiustamento della dose nel corso delle 4 settimane dall’inizio della terapia.

    La fenilpropanolamina ottiene il controllo della minzione stimolando gli alfa-adrenorecettori nell’uretra e aumentando il tono dell’uretra, ottenendo così benefici nel 70% circa dei casi. Tuttavia la maggior parte della letteratura disponibile fa riferimento al suo uso sia nelle femmine sterilizzate che intere con efficacia variabile, mentre a malapena vi sono menzioni al suo impiego in animali di sesso maschile.

    Research Report Urinary

    1. Evaluación de la prevalencia de la incontinencia urinaria en hembras castradas: 566 casos (2003-3008) Forsee KM, Davis GJ, Mouat EE, et al. J Am Vet Med Assoc 2013;242: 959-962
    Josep Campmany
    Numero di iscrizione all’ordine: COVB 1125

    Laurea in Veterinaria conseguita presso l’Università di Saragozza e Advanced Management Program. Marketing Management (ESADE, Barcellona)Laurea in Veterinaria conseguita presso l’Università di Saragozza e Advanced Management Program. Marketing Management (ESADE, Barcellona)

    gastroenterite_nei_cani_trattamento.jpg
    Gastroenterite nei cani: trattamento della sindrome dell'intestino irritabile
    La gastroenterite nei cani rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo della sindrome dell'intestino irritabile. Rivediamo il ruolo della nutrizione e discutiamo i sintomi e l'eziopatogenesi della sindrome dell'intestino irritabile, oltre a fornire le linee guida per la diagnosi e il trattamento.
    diarrea_nei_cani_2.jpg
    Diarrea nei cani: quando usare gli antibiotici e quando no?
    La diarrea nei cani è un sintomo molto frequente nella maggior parte delle malattie gastrointestinali. Il tipo di cura da intraprendere varia in funzione dell'eziologia di ogni singolo caso e l'uso di antibiotici in caso di diarrea nei cani prevede indicazioni specifiche che andiamo a esaminare in questo articolo.
    anna-rodeus-hernaundez52_6.jpg
    8 fattori che predispongono ad avere un gatto o cane obeso
    Alcuni fattori di rischio per un gatto o cane obeso sono molto facili da riconoscere. Altri, invece, lo sono meno. Qui di seguito analizziamo 8 fattori chiave che influenzano l'eccessivo aumento di peso corporeo nei cani e nei gatti e il ruolo del microbiota.